Read more" /> Un sogno che continua a vivere | ArtEventi Sicilia
ArtEventi Sicilia

Un sogno che continua a vivere

Una delle sue più grandi passioni era la moda, così i genitori hanno deciso di assecondarla: l’11 giugno alle “Ciminiere” di Catania, all’interno del cartellone del MADEINMEDI 2011, sfilerà la “Sinfonia n°1”, la prima collezione del licatese Antonio Attisano, scomparso lo scorso dicembre all’età di sedici anni.

 

Una carpetta ben nascosta, con tutti i suoi disegni, oltre duecento schizzi, modellini, su fogli preparati ad hoc oppure di fortuna. Questo è il tesoro, adesso venuto alla luce, di Antonio Attisano, il sedicenne licatese prematuramente scomparso lo scorso dicembre.

L’11 giugno la sua “Sinfonia n°1” sfilerà per la prima volta sulla passerella del MADEINMEDI, la settimana della moda e del design del Mediterraneo, al Centro fieristico e Culturale “Le Ciminiere” di piazzale Asia, a Catania. «Antonio non era bravo nel disegno: tentava di rappresentare una casa e ne veniva fuori un uovo, ma quando si trattava di abiti la sua mano si trasformava. I tratti sono decisi, senza sbavature, senza tremori», ha raccontato Giuseppe Attisano, il padre del ragazzo.

Un talento nascosto, quello di Antonio, di cui nessuno era a conoscenza: «Non lo sapeva nessuno, né gli amici né noi. In fondo, i suoi figurini erano bozze su ritagli, bigliettini. Era bravo sul serio.»

Che   fosse un talento l’ha confermato anche Marella Ferrera, che ha consigliato ai genitori di Antonio di rivolgersi a Gabriella Ferrera, la presidente dell’Accademia Euromediterranea. Una serie di incontri e di racconti che hanno portato alla decisione finale: gli abiti di Antonio sarebbero stati realizzati e sarebbero stati mostrati al pubblico durante il più importante evento dedicato alla moda e agli stilisti emergenti.

Otto modelli che si ispirano a Coco Chanel, e che sono soltanto i primi di una serie di abiti che saranno realizzati in futuro, anche grazie a una borsa di studio che la Fondazione Antonio Attisano, che deve ancora nascere, devolverà ogni anno a un giovane stilista che si impegnerà a reinterpretare e creare i capi disegnati da Antonio.

Print Friendly
 
Comments

No comments yet.

Leave a Reply