Read more" /> Nastri d’Argento 2012: le candidature | ArtEventi Sicilia
ArtEventi Sicilia

Nastri d’Argento 2012: le candidature

Ai Nastri d’Argento 2012 testa a testa fra Giordana e Ozpetek . Cesare deve morire di Paolo e Vittorio Taviani film dell’anno. Premi speciali per Anna Proclemer e Tormenti, film disegnato. Alla cerimonia, saranno presenti tra gli altri, Gianni Amelio, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo.

Testa a testa tra Magnifica presenza di Ferzan Ozpetek e Romanzo di una strage di Marco Tullio Giordana – entrambe 9 candidature- ai Nastri d’Argento 2012. Li inseguono Diaz di Daniele Vicari (7), This must be the place di Paolo Sorrentino (5) Terraferma di Emanuele Crialese (5) che così completano la cinquina degli autori tra i quali sarà assegnato  il 30 Giugno, al Teatro Antico di Taormina – il premio per il “Regista del miglior film dell’anno”.

A decidere i vincitori sarà il voto dei giornalisti cinematografici iscritti al SNGCI che organizzano  la 66.ma edizione dei Nastri. Tra i più candidati dell’anno, in vista della serata finale a Taormina, anche Scialla! di Francesco Bruni, vincitore di Controcampo italiano alla Mostra del Cinema di Venezia e A.C.A.B. di Stefano Sollima (5 nomination ciascuno, entrambi molto segnalati tra le migliori opere prime 2011-2012) e, ancora, Posti in piedi in Paradiso di Carlo Verdone, in corsa per la “migliore commedia” e L’industriale, presentato all’ultimo Festival di Roma con la regia di Giuliano Montaldo. Ricca la selezione delle opere prime: accanto a Scialla! e A.C.A.B. , Sette opere di misericordia di Gianluca e Massimiliano De Serio, La-bàs. Educazione criminale di Guido Lombardi (Premio De Laurentiis-Opera prima a Venezia) e Io sono Li di Andrea Segre, recentemente premiato ai David di Donatello.

Grandi e piccoli in competizione nella “cinquina” dei produttori, categoria in cui, accanto a Cattleya con Rai Cinema (Romanzo di una strage) e alla Fandango di Domenico Procacci (Diaz) sono candidati Nicola Giuliano e Francesca Cima (Indigo Film), Andrea Occhipinti (Lucky Red) e Medusa, produttori di This must be the placeEskimo Film , Figli del Bronx e Minerva Pictures sono in gara per la produzione di La-bàs Educazione criminale. L’inedita coppia al femminile Elda Ferri- Milena Canonero è candidata, infine, per Un giorno questo dolore ti sarà utile.

Attrici e attori: Carolina Crescentini, Donatella Finocchiaro, Claudia Gerini, Valeria Golino, Micaela Ramazzotti per le protagoniste. Fabrizio Bentivoglio, Pierfrancesco Favino, Elio Germano, Roberto Herlitzka e Vinicio Marchioni sono, invece, i cinque candidati protagonisti.

Nella “cinquina” delle non protagoniste: Barbora Bobulova, Michela Cescon, Alessandra Mastronardi, Paola Minaccioni e Elisa Di Eusanio. Attori non protagonisti: Giuseppe Fiorello, Marco Giallini, Fabrizio Gifuni, Michele Riondino e Riccardo Scamarcio.

Grande attenzione al grande cinema che ha regalato quest’anno al prestigio italiano una performance straordinaria al Festival di Berlino: Cesare deve morire di Paolo e Vittorio Taviani è il film “Nastro dell’anno” 2012. Il SNGCI ha assegnato anche un premio al cast di “Cesare deve morire”.  Un meritato riconoscimento collettivo va anche al cast – Giovanni ARCURI   (Giulio Cesare); Salvatore STRIANO  (Bruto) ; Cosimo REGA (Cassio) ; Maurilio GIAFFREDA (Ottaviano);  Francesco CARUSONE (Indovino);  Fabio RIZZUTO (Stratone) , con  la guardia penitenziaria Delli Carpini  nel ruolo di se stessa nel film – che accompagna Paolo e Vittorio Taviani, la produttrice del film, Grazia Volpi, il montatore Roberto Perpignani e Fabio Cavalli, responsabile del laboratorio teatrale.

Attenzione anche al cinema indipendente di qualità, alla produzione d’autore e ancora una volta alla commedia con una “cinquina” che affianca ad alcuni titoli che hanno conquistato il pubblico, commedie interessanti ma decisamente più “di nicchia”: in ordine alfabetico, Ciliegine di Laura Morante, Immaturi,il viaggio di Paolo Genovese, I più grandi di tutti di Carlo Virzì, La Kryptonite nella borsa di Ivan Cotroneo, Posti in piedi in Paradiso di Carlo Verdone.

 Ai Nastri  come sempre organizzati dai giornalisti cinematografici con il sostegno del MiBAC –Direzione Generale per il Cinema e in collaborazione con Taormina Arte – partecipano quest’anno trenta film nominati, con almeno una candidatura, tra i 95 usciti dal 1° Giugno 2011 al 31 maggio 2012, sostanzialmente nella stagione che si è simbolicamente aperta con il Festival di Cannes dello scorso anno e si è chiusa con quello che si è appena svolto. Sono 40 le opere prime uscite in sala e 30 i film internazionali, con presenze italiane nel cast artistico o tecnico, prese in considerazione. I vincitori  saranno decretati dal notaio dei Nastri d’Argento, Alessandra Temperini, da premiare,al Teatro Antico di Taormina, quest’anno la sera di sabato 30 giugno, con la ripresa televisiva (regia di Marco Aleotti) che andrà in onda in differita su Raiuno in seconda serata il 14 Luglio e subito dopo, grazie a Rai International, in tutto il mondo. La serata di Taormina sarà presentata da Stefania Rocca.

Il Nastro europeo con Bulgari

Infine, con i documentari che hanno il loro palmarès in arrivo nelle prossime settimane, il SNGCI segnala, che anche il Nastro europeo 2012 sigla di nuovo la partnership con un brand italiano di altissimo artigianato internazionale: il Nastro europeo è infatti realizzato e firmato da Bulgari e sarà consegnato ad un protagonista eccellente del cinema di questa stagione che sarà annunciato prima di Taormina.

 Premi speciali con Persol e Thun

Altri riconoscimenti speciali saranno assegnati quest’anno, con Persol e con la Fondazione “Lene Thun”.

-Con Persol il Sngci premierà ancora una volta a Taormina il “Personaggio dell’anno” 2011 (lo scorso anno il riconoscimento era andato a Kim Rossi Stuart)

-Con la Fondazione intitolata alla Contessa Lene Thun, Thun (che affianca quest’anno per la prima volta il Sngci anche per il Premio Guglielmo Biraghi) assegnerà invece un riconoscimento al film italiano che maggiormente, nel corso del 2011-2012, abbia valorizzato il tema dell’integrazione sociale.

 

 

 

 

 

Print Friendly
 
Comments

No comments yet.

Leave a Reply